30/11/14

The Red Menace: un sorprendente galleria di Poster anti-comunisti, fumetti, riviste

PROPAGANDA
Definizione accademica di "propaganda" 
<<"Azione che tende a influire sull’opinione pubblica e i mezzi con cui viene svolta. È un tentativo deliberato e sistematico di plasmare percezioni, manipolare cognizioni e dirigere il comportamento al fine di ottenere una risposta che favorisca gli intenti di chi lo mette in atto. La p. utilizza tecniche comunicative che richiedono competenze professionali, nonché l’accesso a mezzi di comunicazione di vario tipo, in particolare ai mass media, e implicano un certo grado di occultamento, manipolazione, selettività rispetto alla verità. I messaggi possono arrivare a implicare diversi gradi di coercizione o di minaccia, possono far leva sulla paura o appellarsi ad aspirazioni positive.

Rientrano nella p. alcune forme di comunicazione pubblica istituzionalizzata come l’attività di pubbliche relazioni di organi governativi, grandi imprese e altre istituzioni, le campagne politiche, le campagne di pubblica informazione. Assai più forte che nell’antichità (che pure non la ignorava), la necessità della p. si è affermata in tempi recenti, in relazione con la sempre maggiore partecipazione delle masse e con il riconoscimento dell’opinione pubblica come forza agente nella storia. La p. moderna tende a rivolgersi in modo particolare non alla ragione, bensì all’inconscio e all’irrazionale; si avvale quindi della psicologia, della sociologia, della psicologia delle masse ecc., per elaborare una tecnica speciale, identica nella sua sostanza a quella della p. commerciale, detta propriamente pubblicità. I mezzi cui ricorre la p. sono tutti quelli atti a provocare emozioni intense, anche se non immediatamente apparenti, ma durature, quali la creazione di slogan ripetuti costantemente dalla radio, televisione, stampa, manifesti ecc., e anche forme di più sottile diffusione, quali la letteratura, il teatro, le arti figurative ecc., che possono più facilmente influenzare i ceti colti. Caratteristica specifica dei regimi autoritari, o che comunque, affermatisi in opposizione a tradizioni e interessi ben radicati, debbano rapidamente conquistarsi il favore delle masse e delle élite, la p. è però strumento di tutti i governi in occasione di quelle crisi, internazionali e interne, che rendano necessario convogliare in un’unica direzione la volontà del popolo, in special modo nelle guerre".>>



Per sua natura, la propaganda distorce la verità, molte volte dice bugie. Per lo più si rivolge, oltre che all’inconscio e all’irrazionale  delle persone, ai nostri impulsi più bassi, come la viltà, la paura e la rabbia, la fuga.. Le opere di propaganda pura possono adombrare argomenti logici, eliminando sfumature e semplificando eccessivamente questioni complesse al punto di diventare semplici caricature.

Uno degli esempi lampanti e di cui sappiamo ancora poco (in certi casi..niente) è la pluridecennale propaganda di guerra degli Stati Uniti e dell'Europa occidentale condotta contro il socialismo e il comunismo, anche decenni prima della guerra fredda. Può essere una sorpresa per molti apprendere che questa offensivainiziò ancor prima dell'inizio della prima guerra mondiale, come si può vedere sotto in un manifesto del partito conservatore britannico dal 1909.




Rappresentare il socialismo come un demone scimmiesco che strangola una sorta di dea della "prosperità", questo notevole esempio di poster art dà il senso di quasi la totalità della propaganda anti-comunista costruita sulla scia della rivoluzione russa. Almeno da quando questa propaganda ebbe inizio, comunisti e socialisti sono stati generalmente dipinti come mostri terrificanti.

Con l'aumentare della"minaccia" così anche la scala delle caricature mostruose prese ad intensificarsi. Nell'era post-prima guerra mondiale, manifesti tedeschi e norvegesi mostravano come Godzilla di immense dimensioni comunisti e laici calare e distruggere intere città. Di seguito, un esempio della seconda guerra mondiale, lo scheletrico distruttore comunista che cavalca l'intero globo.








Di tanto in tanto le dimensioni razziali di queste raffigurazioni erano più esplicite Un esempio durante la Guerra Fredda, nel 1953, è particolarmente rozza. Mostrando una scena letteralmente da film horror della Paramount di quell'epoca, con l'attrice Janet Logan, il testo ci dice: "Nel caso in cui i comunisti dovessero conquistarci, le nostre donne sarebbero impotenti sotto gli stivali dei russi asiatici." In cima a questo poster, piuttosto lurido e razzista, si dice anche che "molti uomini americani sarebbero sterilizzati" se la Russia vincerebbe la "prossima guerra mondiale."




Negli anni '50 e '60, i media della cultura pop, come il cinema e i fumetti si prestavano particolarmente alla propaganda anti-comunista, e furono sfruttati implacabilmente dagli enti governativi, società di produzione e aziende. Film come I Married a Communist ( Ho sposato un comunista) e The Red Menace (La minaccia rossa), entrambi dal 1949, dimostrano la propaganda pulp-sensazionalistica dello spavento rosso degli studios.




In quei decenni di guerra fredda, il sentimento anti-comunista dimostrò come l'ex alleato degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale, l'Unione Sovietica, era diventato il suo nemico principale. I fumetti fornirono la piattaforma perfetta per i grandi colpi di propaganda anti-comunista. Come lo psichiatra Fredric Wertham mosse guerra contro l'influenza corruttrice dei fumetti, gli inserzionisti e il governo li trovò sempre più efficaci per la diffusione dei propri messaggi. "Se ci fosse una qualsiasi entità che ha creduto nel potere dei fumetti di indottrinare e istruire, come afferma Wertham", scrive Greg Beato a Reason, "quello è stato il governo degli Stati Uniti."
Ma anche i soggetti privati fecero la loro parte nella guerra attraverso i fumetti contro il comunismo. Testimone un esempio particolarmente selvaggio, come questo "Is This Tomorrow?. Pubblicato dalla "Catechetical Guild Educational Society” " nel 1947, il fumetto raccontava della regolamentazione statale del commercio, i programmi di assistenza sociale, il sentimento anti-religioso, e le persone che si battevano per questo, in un complotto orchestrato diabolicamente per la presa del potere e la consegna dell'America al comunismo. I lavoratori che abbracciano la dottrina comunista sono poco più che dei creduloni ridotti a semplici pedine.




Queste tattiche intimidatorie del fumetto possono sembrare stravaganti, ma ovviamente sappiamo che la propaganda dello spavento rosso ebbe effetti reali sulla vita e i mezzi di sussistenza degli americani, in particolare quelli nel campo delle arti e del mondo accademico. Il libero pensiero, le persone di sinistra, i creativi e gli intellettuali furono a lungo il bersaglio della paranoia anti-comunista. L'American Legion Magazine evidenziò la paura molto diffusa che i professori universitari si erano piegati a corrompere i giovani, menti malleabili. "I genitori", affermava la rivista, "possono liberare i campus dai professori comunisti che si nascondono sotto il mantello della 'libertà accademica.'" Al culmine della paura, molti professori universitari, come Stanley Moore del Reed College, furono trascinati davanti alla Commissione per le attività anti americane sommariamente licenziato.

 

Nel periodo post-seconda guerra mondiale, naturalmente, la più grande minaccia non era un'invasione su vasta scala, ma era la guerra nuclearetotale e l'annientamento . E' stata un triste possibilità, come Il dottor Stranamore di Kubrick, in una grande parodia ha sottolineato, una possibilità in cui nessuno avrebbe vinto. Quì vediamo un manifesto particolarmente agghiacciante, falso e disonesto di propaganda, distribuito dal governo americano. Nel poster si dice: "Dopo la guerra totale può venire vivente totale." A meno che la coppia felice non stia guardando fuori da un sobborgo curato nell'aldilà, questa scena di "total living" di guerra post-nucleare è assurda, dato che era assicurata una reciproca distruzione totale. Tuttavia, ciò che il poster raffigura è un futuro dettato da un analoga, totale purezza ideologica cripto-comunista dei sovietici, in cui la Terra è stata ripulita dalle massicce e mostruose orde comuniste, così come presumibilmente dagli insegnanti, , artisti, intellettuali, e burocrati che minacciano ilpaese dall'interno.



OPEN CULTURE